Umbria: Udc, su petizione popolare Tuoro sindaco eviti braccio ferro

(ASCA) – Perugia, 15 nov – ‘Sulla questione riguardante la ex Casa Cardinali il sindaco di Tuoro, Mario Bocerani, dovrebbe evitare un inutile quanto dannoso braccio di ferro con una parte della popolazione’. Cosi’ il capogruppo dell’Udc alla Regione Umbria, Sandra Monacelli sull’audizione di stamani in III Commissione. L’esponente dell’Udc, rivolge tale invito al primo cittadino dicendosi consapevole che ‘competono alla Amministrazione comunale, democraticamente eletta dai cittadini, le scelte di realizzazione di opere, comprese quelle di edilizia residenziale pubblica’.

A giudizio di Monacelli, e’ ‘sicuramente meglio’ approfondire, mediante un maggiore confronto, l’opportunita’ di una scelta che ‘potrebbe caratterizzare in maniera non adeguata lo sviluppo della propria citta’ e la conservazione dei suoi beni, piuttosto che lasciarsi travolgere dalla smania di stroncare sul nascere, con la forza dei numeri di Palazzo, ogni opinione in dissenso’. ‘Molte scelte urbanistiche degli anni 60- 70 – osserva l’esponente centrista – hanno fortemente compromesso la qualita’ architettonica non solo delle periferie, ma anche dei centri storici di molti comuni piccoli e grandi dell’Umbria.

L’opportunita’ che si presenta, dopo diversi anni da tali realizzazioni, di recuperare e sanare le ferite di luoghi degradati – conclude – non puo’ essere giocata con operazioni al ribasso che trascurino la contestualizzazione degli interventi e le loro ripercussioni’.










Lascia un commento