Intervento On. Tassone su disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato

Signor Presidente, prendo la parola per illustrare brevemente quest’ordine del giorno, perché pone una questione estremamente significativa, quella del servizio civile. Noi abbiamo una preoccupazione che evidenziamo anche in quest’ordine del giorno: il taglio di 57,2 milioni di euro rispetto alle previsioni assestate per il 2010 del fondo occorrente per gli interventi del Servizio civile nazionale. Quest’aspetto è estremamente preoccupante non soltanto per questa parte politica, ma anche per le altre realtà presenti in questo Parlamento.

Come si ricorderà, con la sentenza n. 164 del 24 maggio 1985, la Corte costituzionale affermò e garantì pari dignità al servizio militare e al servizio sostitutivo civile. La Corte costituzionale affermava che ciò che prevaleva era il convergente impegno per quanto riguardava sia il servizio civile sia il servizio militare, ossia quello della difesa della patria. Perciò, i fondi destinati al servizio civile andavano in questa direzione e in questa prospettiva, che era ovviamente quella della sicurezza. Il servizio civile, che, come si ricorderà, per un certo periodo di tempo fu attribuito e vide impegnati gli obiettori di coscienza, ha dato certamente frutti estremamente positivi, tant’è vero che il Governo ha avuto sempre una particolare attenzione, fino a prevederne un potenziamento anche rispetto alle strutture della Presidenza del Consiglio e del Governo.

Questo è un dato importante e fondamentale, sia per quanto riguarda gli obiettivi che ci si prefigurava, sia per quanto riguarda i compiti precipui che le Forze armate sono sempre state chiamate ad assolvere sul piano istituzionale: la difesa della patria, la sicurezza e gli interventi in presenza di calamità naturali. Credo che questi siano dati e riferimenti storici noti a gran parte dell’Aula. Questo taglio di 57,2 milioni di euro per quanto riguarda il servizio civile fa rivedere quanto meno la politica che fino ad oggi andava in questa direzione. Noi ci saremmo attesi un potenziamento di questo settore e ci meraviglia, perché al servizio civile abbiamo anche destinato un sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, che non ha il rango di Ministro, ma è comunque un sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Avremmo immaginato che il Governo non avrebbe messo questo fermo e questo freno in tale particolare momento.

Signor Presidente, mi avvio alla conclusione. Pertanto, noi nel nostro ordine del giorno chiediamo al Governo di monitorare l’attuazione delle disposizioni del disegno di legge in materia, valutando l’opportunità di assumere le iniziative conseguenziali. Noi chiediamo ovviamente la definizione di una politica per quanto riguarda il servizio civile. Stiamo dando un contributo e speriamo di richiamare l’attenzione del Governo.

 

 

Tasone su disposizioni formazione bilancio annuale e pluriennale dello Stato.pdf








Lascia un commento