Veneto, Regione: Valdegamberi, no aumento addizionale Irpef

(ASCA) – Venezia, 22 nov – L’Udc dara’ battaglia in Consiglio regionale a qualunque ipotesi di aumento delle tasse per i cittadini veneti.

Lo dichiara il capogruppo del partito di Casini, Stefano Valdegamberi, in risposta alle dichiarazioni del presidente della Regione Veneto Luca Zaia che lasciano presagire le intenzioni della Giunta di reintrodurre l’addizionale Irpef.

‘Il Governatore – dichiara Valdegamberi – pensa di aumentare le tasse invece di annunciare il fallimento della propria azione politica, che lo ha visto assente nella conferenza Stato-Regioni quando c’era da battere i pugni sul tavolo per scongiurare quei tagli lineari, introdotti dalla finanziaria, che hanno messo in ginocchio il bilancio della nostra regione’. Per Valdegamberi i tagli annunciati per il 2011 non solo metteranno a rischio il nostro sistema di welfare, ‘considerato tra i piu’ evoluti d’Europa’, ma si abbattera’ anche sui bilanci dei vari assessorati con tagli che arrivano al 55%, mitigati al 40% se si applica l’addizionale Irpef. Una colossale presa in giro’.

‘Lo Zaia della Marca – prosegue il capogruppo Udc – tenta di far bere l’amaro calice dell’aumento delle tasse ai cittadini veneti senza spiegar loro perche’ continua a spendere risorse importanti per la sua comunicazione istituzionale e perche’, da ministro prima e da governatore poi, non si e’ battuto con il suo governo per ridurre i tagli al Veneto’.










Lascia un commento