Finanziaria: Rao, no tagli tv locali per 5 per mille

(ANSA) – ROMA, 22 NOV – ‘Per coprire il gravissimo errore del taglio al ‘5 per mille’ la maggioranza propone un rimedio sbagliato’. Cosi’ Roberto Rao, Capogruppo dell’Udc in Commissione di Vigilanza Rai, commenta la dichiarazione di Maurizio Lupi, che ha proposto di sottrarre alle tv locali i 300 milioni di euro che mancano al 5 per mille.

‘L’Udc e’ pronto a sostenere iniziative parlamentari serie per garantire i fondi al terzo settore, ma la maggioranza non puo’ colpire un altro comparto indifeso e alimentare cosi’ una inutile guerra tra poveri, visto che le tv locali rappresentano il comparto piu’ debole della comunicazione in Italia. Il governo – prosegue l’esponente centrista – impari a ridurre gli sprechi, anziche’ penalizzare settori importanti per l’economia del Paese. Le tv locali, gia’ messe in crisi dai tagli dei mesi scorsi, garantiscono l’informazione libera legata al territorio e una parte importante dell’occupazione nel settore. La loro crisi, certa se passasse la proposta di Lupi, sarebbe un grave danno e non e’ spostando un taglio lineare da un settore all’altro che si risolvono i problemi. Occorre definire prima quali sono le scelte di politica economica prioritarie per un paese e fra queste certamente c’e sia il terzo settore che l’emittenza locale, perche’ Lupi non accetta di tassare le transazioni finanziarie speculative al livello europeo? Avrebbe le risorse necessarie per queste ed altre politiche a sostegno delle famiglie’. (ANSA).

 

 

 

 










Lascia un commento