Immigrazione: Casini, populismo e’ alimentare paure italiani

(ANSA) – ROMA, 6 DIC – L’immigrazione e’ una realta’ che ‘esiste e che non possiamo rimuovere’ ma se abbiamo ‘una politica che questo tema lo eleva a speculazione partitica, allora siamo fritti. E’ solo populismo che si alimenta delle paure degli italiani’. Il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, partecipa all’Universita’ cattolica del sacro Cuore di Roma ad un seminario sullo Sviluppo sostenibile e le politiche migratorie e invita a guardarsi da quel senso di ‘frustrazione e ribellione’ che i problemi dell’immigrazione provocano sui ceti medi della popolazione italiana e, trasversalmente, nei partiti. ‘Il razzismo, la xenofobia sono sentimenti che ci sono sempre stati, ma in passato la classe politica ha cercato di governare questi fenomeni, parlando di accoglienza e anche di convenienza’ ma, aggiunge Casini, oggi questi temi li si ‘strumentalizza per trarne qualche assurdo vantaggio politico.

E una classe politica che alimenta il fanatismo – sostiene – rischia di creare una miscela esplosiva’.

‘Noi, invece, abbiamo bisogno di essere quello che siamo: un Paese civile, che pratica l’accoglienza e che deve fare i conti con le sue contraddizioni’ sottolinea il leader dell’Udc ricordando anche che l’Italia e’ ormai un Paese a ‘bassa natalita’ e che non riesce a difendere il livello di vita che ha costruito negli ultimi decenni’. Per Casini, infine, un conto e’ comportarsi come una societa’ multirazziale e un conto e’ pensare che la nostra sia una societa’ multiculturale: ‘io – conclude – sono convinto che il multiculturalismo abbia fallito: noi siamo in grado di accogliere gli altri – sostiene – se siamo consapevoli delle differenze. Non dobbiamo smarrire il senso delle nostre tradizioni’. (ANSA).

 










Lascia un commento