Immigrazione: Serra, troppi tagli a forze ordine

(ANSA) – ROMA, 10 MAR – ‘I tagli alle forze dell’ordine e al comparto sicurezza sono macroscopici. Il governo chiarisca al piu’ presto con quali mezzi e risorse intende affrontare l’esodo ‘biblico’ dei migranti che dalla sponda sud del Mediterraneo si dirigono sulle coste italiane’. E’ l’appello del senatore dell’Udc Achille Serra (Udc), nel suo intervento in Aula a palazzo Madama in replica al governo su una interrogazione sull’emergenza immigrazione dai Paesi del Nordafrica.

‘Il comparto sicurezza – ha sottolineato Serra – ha infatti gia’ esaurito, e siamo solo a marzo, i fondi per le missioni e per gli straordinari per l’intero 2011′. ‘Dopo i recenti balletti di cifre, al governo vogliamo chiedere – ha proseguito – quali siano le reali e attuali previsioni rispetto al movimento migratorio in atto e sollecitiamo inoltre una risposta su come si intende distribuire sul territorio questo afflusso di migranti per arginare un’emergenza che non puo’ trovare soluzione in pochi centri, ormai allo stremo’. Serra ha quindi espresso preoccupazione per la scelta di far confluire i rifugiati nel ‘Residence degli aranci’ di Mineo, in provincia di Catania, quale centro di raccolta dei richiedenti asilo e impiegare gli attuali 8 CARA (centri di accoglienza richiedenti asilo) per ospitare gli immigrati. ‘Il decentramento – ha detto – e’ fondamentale per il sistema del diritto d’asilo e utilizzare queste sistemazioni per gli immigrati mettendo in crisi tale sistema non e’ condivisibile.

Quanto all’Europa – ha proseguito – in merito ai problemi che le possibili migrazioni dal Nordafrica pongono al nostro Paese, il governo reclama aiuto dall’Ue ma non ha ancora recepito la direttiva europea del 16 dicembre 2008. Questo non rafforza la posizione italiana nei confronti di Bruxelles’.

‘L’Udc – ha concluso – assicura fin d’ora la massima disponibilita’ a sostenere tutte le misure che si vorranno adottare per fronteggiare tale situazione di emergenza migratoria e umanitaria’.(ANSA).










Lascia un commento