Libia: Senatori Udc, necessario riaprire lo scalo di Trapani

(ANSA) – PALERMO, 26 MAR – ‘Misure efficaci per la pronta riapertura al traffico civile dell’aeroporto di Birgi, soluzioni concrete per aiutare l’economia locale che subisce gravi danni da questo blocco e capire perche’ non viene usato, invece, per le operazioni militari l’aeroporto (militare) di Comiso (Rg)’.

Su questi tre aspetti, in un’interrogazione, il capogruppo dell’Udc al Senato, Gianpiero D’Alia, con i colleghi Vincenzo Gaallioto ed Achille Serra, chiede spiegazioni ai ministri di Difesa, Esteri, Interni e Infrastrutture.

‘Con la chiusura dello scalo di Trapani – spiegano i tre senatori, in una nota – l’intera provincia paga, a livello economico, un prezzo altissimo. Una provincia che nel 2010 ha registrato un incremento di presenze turistiche di circa il 40 per cento, rispetto all’inversione di tendenza nel resto della Sicilia e che fa del proprio aeroporto un volano produttivo imprenscindibile’.
‘La militarizzazione dell’area – continuano – provoca un ‘effetto domino’ che rischia di spezzare quel filone di sviluppo e di ripresa economica che con fatica si e’ avviata in questa realta’ territoriale’.
‘A causa di tutto questo – concludono – l’Airgest, la societa’ di gestione dello scalo trapanese, perde 70 mila euro l’anno e si e’ trovata costretta a sospendere il rapporto di lavoro con i suoi 70 dipendenti’.










Lascia un commento