P. breve: Casini, La Russa doveva chiedere scusa

(ANSA) – ROMA, 31 MAR – Occorre ristabilire un clima normale nel dibattito politico, e per favorire questo il primo passo doveva farlo il ministro La Russa, chiedendo scusa in aula per il suo comportamento di ieri. Lo ha detto il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, parlando con i cronisti a Montecitorio.

‘Questo non e’ piu’ un paese normale – ha detto Casini – visto che ieri Berlusconi di fronte all’emergenza di Lampedusa e’ andato li’ per comprare casa, visto che il sottosegretario all’interno incaricato dell’immigrazione si dimette, e visto che il ministro La Russa manda a quel paese il presidente della Camera e un capo gruppo dell’opposizione’.

‘Qui serve – ha proseguito – che ognuno si calmi e interpreti correttamente il proprio ruolo. Il ministro La Russa non puo’ andare in mezzo ai manifestanti e poi venire in aula a sbraitare. Per ristabilire un clima di confronto mi sarei aspettato che oggi La Russa avesse detto in aula ‘scusate, mi sono sbagliato’, e a quel punto le opposizioni si sarebbero dovute interrogare se strumentalizzare o superare l’episodio di ieri. Io sono per il superamento – ha concluso Casini – pero’ servono le scuse di La Russa’.










Lascia un commento