Rifiuti: Udc, ‘ecomafie’ boccia il Lazio, rischio Campania

(DIRE) Roma, 11 apr. – “La relazione approvata oggi dalla commissione Ecomafie boccia senza riserve la gestione del ciclo dei rifiuti della Regione Lazio e degli enti locali”. Lo ha detto, in aula alla Camera, Armando Dionisi, deputato dell’Udc.

“La raccolta differenziata, di fatto- ha spiegato- non e’ mai partita e l’obiettivo del 65% rappresenta un’ambizione utopistica che va al di la’ delle piu’ ottimistiche previsioni. A cio’ si aggiunge l’attenzione crescente sul ciclo dei rifiuti da parte della criminalita’ organizzata, che nel territorio laziale non si limita alla camorra, ma riguarda anche mafia e ‘ndrangheta”.

Insomma- ha continuato Dionisi- non e’ piu’ tempo dei rinvii, ma di scelte coraggiose e rapide per evitare che nel Lazio si verifichi un altro caso Campania”.

“Sulla questione dei rifiuti a Roma- ha concluso- l’alternativa a Malagrotta non si risolve con i sotterfugi e le furbizie. La soluzione Allumiere e’ costosa per via della distanza, devasta un’area di pregio ambientale e crea tensioni sul territorio. Occorre un diverso rapporto tra Roma e la provincia, che non puo’ essere la pattumiera della Capitale”.










Lascia un commento