Governo: Cesa, Lega e Tremonti lasceranno brutta eredita’

(ANSA) – ROMA, 19 APR – Dure accuse da parte di Lorenzo Cesa, segretario dell’Udc, all’attivita’ di governo della Lega Nord e del ministro dell’Economia Giulio Tremonti.

Cesa, nel suo intervento alla riunione del direttivo e dei coordinamenti del partito osserva che ‘l’eredita’ che ci lascera’ la Lega’ oltre ai recenti attacchi alla Ue, e’ quella di un partito che ‘non e’ in grado di risolvere i problemi dei suoi elettori che ormai serve solo a stendersi a tappetino per risolvere, invece, i problemi che il presidente del Consiglio ha con la giustizia’.

‘Lo stesso dobbiamo pensare – prosegue il segretario dei centristi – del ministro piu’ potente di questo Governo, Tremonti. Ho letto che il ministro dell’Economia ha dichiarato che in Italia non c’e’ disoccupazione, che da noi gli extracomunitari hanno tutti un lavoro e che se gli italiani non ce l’hanno e’ perche’ non vogliono piu’ fare certi lavori.

Tremonti queste cose le spiega a Bossi, perche’ non gli spiega che l’immigrazione, regolata e non selvaggia, e’ una risorsa indispensabile per un Paese che non fa figli e invecchia rapidamente come il nostro? Perche’ – insiste Cesa – Tremonti non va a dire queste cose ai ricercatori che hanno studiato e si ritrovano a fare i lavori piu’ umili? Possiamo andare avanti con un ministro dell’Economia che, mentre la disoccupazione continua ad aumentare drammaticamente, con un terzo dei giovani italiani senza lavoro, se la cava dicendo che la questione non esiste?’.

Infine il segretario dei centristi lamenta che Tremonti ha ‘razziato’ i fondi alla scuola e alla formazione e ‘non ha messo in condizione il ministro Gelmini di rimettere in piedi le scuole professionali, quelle dove si puo’ davvero imparare il mestiere’. (ANSA).

 










Lascia un commento