Libia: Cesa, come al solito arriviamo in ritardo

(ANSA) – ANCONA, 26 APR – ‘Come al solito arriviamo in ritardo. Arriviamo in ritardo sulla politica estera, e la decisione assunta dal nostro governo di partecipare alla missione in Libia, cosi’ come ci chiedeva l’Onu, e’ una posizione giusta, ma non si puo’ restare in mezzo come ha fatto il nostro governo’.

Cosi’ il segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa – oggi a Macerata per un’iniziativa elettorale di partito – ha risposto ai giornalisti che gli hanno chiesto un giudizio sulle ultime decisioni del Governo per la Libia.

‘Adesso – ha rilevato Cesa – c’e’ stato un richiamo da parte di altri paesi dell’Europa e dell’America a una partecipazione attiva del nostro Paese. Per quanto ci riguarda, noi siamo coerenti con quello che abbiamo fatto nelle commissioni e in Parlamento, cioe’ sostenere la nostra missione. Questo a salvaguardia dell’immagine del nostro Paese a livello internazionale e, soprattutto, a salvaguardia di chi dovra’ impegnarsi in questa missione, che sono i soldati. Quindi, se non c’e’ unita’, se non c’e’ coesione, cosi’ come non c’e’ in questa maggioranza, in cui ministri e sottosegretari della Lega hanno detto che sono contrari a questa missione, e’ chiaro che noi mettiamo a repentaglio anche la vita dei nost

 

 










Lascia un commento