Sicilia: Adamo, Porto Empedocle penalizzata da cambio motonave

(AGENPARL) – Roma, 25 lug – “Non è accettabile che oltre al danno causato dagli sbarchi dei clandestini, il comparto turistico nell’Agrigentino debba pagare per le scelte intraprese da una compagnia di navigazione. Il governo regionale accolga immediatamente l’appello lanciato dal sindaco di Porto Empedocle, Lillo Firetto”.
Lo afferma il capogruppo dell’Udc all’Ars, Giulia Adamo, dopo avere appreso della sostituzione da parte della Siremar della motonave “Palladio” con la “Paolo Veronese”.

“Non possiamo assistere – prosegue Adamo – ad una mancanza di programmazione che rischia di danneggiare ancora di più il turismo. Un settore che sta già pagando duramente per gli sbarchi degli immigrati e che a Porto Empedocle si vede adesso privato, nel periodo di maggiore traffico di passeggeri e merci, di un servizio fondamentale.
Attualmente le ridotte capacità e le carenze strutturali della “Paolo Veronese”, come sottolinea anche il sindaco Firetto, non consentono di accogliere a pieno le richieste di trasporto che restano in parte insoddisfatte con rischi anche sul fronte dell’ordine pubblico”.










Lascia un commento