Politica: Carra e Pezzotta, Bagnasco invita a nuovo impegno cristiani laici

Roma, 12 ago. – (Adnkronos) – ‘La Chiesa non puo’ essere rimproverata o combattuta quando assume posizioni chiare e intransigenti. Non c’e’ ‘ragion di Stato’ o di consenso che tenga quando la politica, la scienza, la tecnologia e le dure ‘leggi del mercato’ attentano alla vita, alla dignita’ e alla liberta’ della persona. Gli interventi della Chiesa in campo morale, sociale, politico ed economico non si pongono mai sul terreno dell’imposizione.

La Chiesa, i cattolici, non sono gli altoparlanti del no, ma del servizio e della proposta’. Lo scrivono i deputati dell’UDC, Enzo Carra e Savino Pezzotta, in una lettera al direttore dell’Avvenire’ che commenta il discorso del cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, per la festa di San Lorenzo.

‘Dall’omelia di San Lorenzo – aggiungono Carra e Pezzotta – emerge un discorso chiaro anche verso i cristiani laici: un invito ad una nuova stagione d’impegno politico e sociale. C’e’ una preoccupazione perche’ nell’impegno pubblico, sociale, istituzionale ci sia un loro nuovo contributo nelle forme e nei modi che ognuno riterra’ adeguato alle proprie sensibilita”.

‘Nelle parole di Bagnasco – continuano – c’e’ un invito energico a non restare alla finestra, a lamentarci dei mali del nostro tempo, ma ad avere la forza e la volonta’ di mettersi in cammino senza paura’. Concludono i deputati UDC: ‘Nella stagione dell’antipolitica, del disimpegno, della polemica antiparlamentare, il cardinale va contro corrente e richiama i cristiani al valore della politica e dell’impegno. Bisogna agire con rigore e umilta”.










Lascia un commento