Manovra: Occhiuto, indispensabile rimodulare contributo solidarietà

Roma, 16 ago. (Adnkronos) – Una rimodulazione del contributo di solidarieta’ a seconda del numero dei figli. Potrebbe essere questa una delle modifiche che l’Udc chiedera’ di apportare alla manovra con gli emendamenti che i centristi presenteranno al provvedimento varato dal governo. “Si tratta solo di ipotesi -dice all’Adnkronos Roberto Occhiuto, vice presidente della commissione Bilancio della Camera- perche’ ci riuniremo solo nei prossimi giorni per formulare le nostre proposte emendative al testo del governo”.

“Di sicuro -aggiunge l’esponente centrista- il contributo di solidarieta’ cosi’ come e’ stato proposto dall’esecutivo non ci piace, proprio perche’ non tiene conto del carico che dovrebbero sopportare molte famiglie che non si possono certo considerare ‘ricche'”. Meglio sarebbe stato, secondo l’Udc, “un aumento dell’Iva, soprattutto sui beni di lusso”.

La manovra del governo, ribadisce Occhiuto, non piace all’Udc. Ma i centristi confermano di voler portare avanti un’opposizione “responsabile”, con un numero di emendamenti “equo: e’ stata varata questa manovra perche’ la casa bruciava. E quando la casa brucia lo scontro politico deve lasciare il posto alla responsabilita’. Noi saremo responsabili, ma questo non significa che non cercheremo di migliorare una manovra che non ci piace”.

“E’ -spiega Occhiuto- la solita manovra del Pdl, la solita strategia Berlusconi-Tremonti, una manovra che non pensa alla crescita e che introduce nuove tasse e nuovi balzelli; una manovra che salva i soliti e che colpisce profondamente il ceto medio e le famiglie”.

“Considerando le divisioni interne alla maggioranza e i diktat della Lega -aggiunge l’esponente centrista- forse questo e’ il massimo sforzo che questo governo potesse fare. Il problema, semmai, e’ capire se questo esecutivo sia il massimo per il Paese. E non mi pare che sia cosi'”.

“Noi -ribadisce Occhiuto- porteremo avanti un’opposizione responsabile per migliorare con i nostri emendamenti una manovra che rimane ingiusta, che fa poco sul fronte della lotta all’evasione fiscale e della crescita”. Una manovra, aggiunge Occhiuto, “che mostra in modo evidente quanto profonde siano le divisioni interne alla maggioranza”.










Lascia un commento