Manovra: Casini, massacra ceto medio no contributo solidarietà

(AGI) – Roma, 19 ago. – Con la manovra del governo viene “massacrato il ceto medio e coloro che pagano le tasse. Va benissimo il quoziente familiare, ma bisogna cancellare il contributo di solidarieta’ e colpire la grande evasione, era meglio una patrimoniale sulle cose”. Lo dice Pier Ferdinando Casini intervistato dal Tg3.

Per Casini “la manovra che esige piu’ serieta’ da parte della politica, non si capisce ancora cosa pensa il partito di maggioranza relativa, il loro e’ un ‘vorrei ma non posso’, sono molto confusi”. Casini ribadisce la richiesta alla maggioranza di discutere delle modifiche in parlamento e aggiunge che “i saldi devono restare invariati, ma la manovra va approvata subito. Una fiducia Senato – continua – sarebbe davvero assurda”. Riguardo alle pensioni, il leader dell’udc, ribadisce che una riforma e’ necessaria: “E’ piu’ equo verso i nostri figli adeguare eta’ pensionabile a durata della vita – conclude – anziche’ continuare noi ad avere privilegi che nostri figli non potranno avere”.










Lascia un commento