Manovra: Rao, Sì ad asta frequenze tv in nome dell’equità

Roma, 21 ago. (TMNews) – “Un’asta per l’assegnazione delle frequenze tv digitali risponderebbe innanzitutto a un’esigenza di equità e trasparenza, principi che questo governo ha finora maltrattato”.
Lo afferma Roberto Rao, capogruppo Udc in commissione parlamentare di Vigilanza Rai.

“Siamo ancora in attesa di sapere perché sono state sottratte le frequenze da 61 a 69 solo alle emittenti locali e perché è stato consentito agli operatori nazionali già presenti sul mercato di partecipare al ‘beauty contest’ per i nuovi multiplex – continua – Solo nei paesi dove la democrazia e dunque il pluralismo nel servizio pubblico radiotelevisivo non sono di casa viene concessa la possibilità di fare informazione in base a criteri discrezionali. Un conto è mettere tutti in condizione di aggiudicarsi questi spazi, un altro è favorire i soliti noti: bella differenza, solo questo esecutivo fatica inspiegabilmente a coglierla”.










Lascia un commento