Manovra: Carra-Pezzotta, no a condono fiscale

(ANSA) – ROMA, 24 AGO – ‘Con encomiabile tempismo e con rara lucidita’ politica i partiti di maggioranza pensano ad un nuovo condono fiscale. La migliore risposta ai mercati che attendono soluzioni strutturali per tornare a concederci la loro fiducia’.
Lo dichiarano i deputati dell’Udc Enzo Carra e Savino Pezzotta.

‘I mercati infatti – spiegano – guardano alle misure che possono generare la crescita, le uniche in grado di mettere l’Italia in condizione di ripagare il debito. Noi facciamo il contrario, invece di pensare al lungo periodo ci concentriamo sul presente. Con il solito condono che se fa sorridere qualcuno aumenta inesorabilmente l’evasione. Insomma, faremmo una scelta irrilevante nel breve, ma certamente dannosa nel lungo periodo’. ‘Altro ragionamento – aggiungono – va fatto sulle pensioni. In questo campo si puo’ anticipare la legge Dini, ritoccando l’eta’ pensionabile. A patto, pero’, di non limitarsi a far cassa ma operando per un diverso orientamento della spesa sociale ma a un piano – concludono – che aumenti considerevolmente le risorse per l’occupazione giovanile’.










Lascia un commento