Manovra, Casini: non voto un testo senza riforme

‘Manca qualsiasi riforma strutturale, e i tagli ai costi della politica naufragano nella demagogia. Le Province andavano abolite senza esitazione, invece ha vinto la vecchia politica del rinvio. Ma cosa dovremmo votare?’.
Il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, intervistato da Repubblica, ribadisce di non essere intenzionato a dare parere favorevole alla manovra, che ‘rischia di essere bocciata dai mercati’.
‘Sono bastati 15 giorni per disperdere quel clima di positivita’ e determinazione che, raccogliendo l’appello del Presidente della Repubblica e sotto la spinta della Bce, aveva portato il governo a intervenire’, osserva Casini. ‘All’interno del Pdl una rissa continua, il presidente del Consiglio che non si capisce in che misura sia spettatore o artefice di tutta questa canea, Tremonti in uno sdegnoso isolamento, la Lega confusa ma sempre decisiva. Tutti ad attendere l’incontro Berlusconi-Bossi per mettere la parola fine, vanificando qualsiasi ipotesi di collaborazione’. Il leader centrista accusa la ‘maggioranza agonizzante’ di limitarsi a ‘fare calcoli elettorali in un momento in cui l’Italia sta affondando’. ‘Che senso ha per Alfano – si chiede Casini – continuare una litania di questo tipo che allerghera’ il fossato con l’opinione pubblica e portera’ ad additarli come responsabili dello sfascio?’. Casini non risparmia critiche nemmeno ai democratici. ‘Lo sciopero della Cgil e’ un colossale errore politico al quale il Pd non ha la forza di sottrarsi’, afferma. ‘Chi si propone di governare l’Italia non puo’ essere paralizzato dalla Fiom e dalla Cgil. Se al contrario il partito si arrocca su questa trincea, regalera’ sempre Cisl e Uil alla maggioranza, ed e’ un regalo che la destra non merita’. Nell’intervista Casini definisce ‘positiva’ la discesa in campo di Montezemolo, perche’ ‘e’ utile che tutte le forze della societa’ civile entrino on politica e diano il loro contributo’. Tuttavia, sottolinea, ‘con gli uomini della provvidenza abbiamo gia’ dato’.










Lascia un commento