Manovra: Terzo Polo, abolire sistema quote pensioni

(ANSA) – ROMA, 29 AGO – Nella sua ‘contromanovra’ il Terzo polo propone di mettere mano al sistema previdenziale ‘tagliando quelle agevolazioni, le quote, che non hanno senso di esistere dopo la legge sui lavori usuranti’. Di qui una riforma che dovrebbe portare a cancellare il sistema delle quote dal 2012 e permettere di andare in pensione ‘o a 65 anni o con 40 anni di contributi’.

‘Proponiamo un grande patto generazionale tra genitori e figli – afferma il Terzo polo – che passi attraverso la revisione del sistema previdenziale’.

La proposta, illustrata in una conferenza stampa al Senato da Gianluca Galletti (Udc) ‘porterebbe un risparmio per diversi miliardi di euro (oltre 5 miliardi nel 2014) che dovrebbero essere destinati non alla riduzione del deficit, ma interamente a incrementare l’occupazione giovanile e favorire la riqualificazione dei 40-50/enni che perdono il lavoro’.

Quanto alle donne, si propone ‘l’equiparazione del settore privato a quello pubblico e l’andata in pensione a 65 anni: i soldi sarebbero destinati all’occupazione femminile e al quoziente familiare’. (ANSA).

 










Lascia un commento