Manovra: Casini, confusa e pasticciata, si rischia baratro

(ANSA) – ROMA, 29 AGO – ‘Oggi, dopo 15 giorni, la manovra appare sempre piu’ confusa e pasticciata e si preoccupa non tanto delle riforme strutturali che servirebbero al Paese, ma di fare subito cassa nel modo piu’ semplice: mettendo le mani nelle tasche dei cittadini’. Cosi’ il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, nella conferenza stampa congiunta del Terzo polo al Senato per presentare la propria ‘contromanovra’.

‘Il richiamo del capo dello Stato ad un clima di collaborazione ormai e’ disatteso dai tentativi nella maggioranza di trovare la quadra al suo interno’, sottolinea Casini. Che aggiunge: ‘Se non ci si pone la questione delle cose da fare, e non quella delle cose che portano voti, andremo sempre piu’ verso il baratro’.

‘Nonostante la chiusura di fatto della maggioranza (tante belle parole, ma poi dialogano tra loro), riteniamo che venga prima il Paese delle nostre beghe – conclude il leader centrista – Percio’ con certosina pazienza cercheremo di migliorare la manovra, anche se gravata da un peccato originale che peggiora andando avanti’.

Il leader dell’Api Francesco Rutelli sottolinea che sull’emendamento sostitutivo della manovra presentato oggi, il Terzo polo cerchera’ ‘convergenza in tutte le direzioni, sia da parte dei settori razionali della maggioranza, sia di quelli dell’opposizione’.(ANSA).

 

 










Lascia un commento