L.elettorale: Casini, no a ritorno a Mattarellum, sistema tedesco

Roma, 5 set. (TMNews) – “Se la proposta referendaria è, come dicono molti dirigenti del Pd, una sollecitazione a cambiare la legge elettorale, soprattutto per dare la possibilità ai cittadini di scegliere i parlamentari va benissimo. Se è il richiamo a un modello concreto, è sbagliato”. Lo ha detto il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, parlando alla festa del Pd a Pesaro.

“Io sono profondamente convinto – ha spiegato – che il tipo di bipolarismo che si è realizzato in Italia sia incapace di dare governi seri e stabili al paese e su questo non cambio idea: le forze migliori del paese devono mettersi assieme in un governo con uno sforzo comune di responsabilità nazionale, deve esserci uno sforzo vero di ricostruire il tessuto di unità del paese.

Quando il Titanic è andato a fondo, sono affondati tutti, dalla prima alla seconda classe all’equipaggio. Oggi chi sta guidando il paese non è in grado di tirarci fuori da queste difficoltà ma l’alternativa vera non è limitarci a dire ‘vai a casa tu, andiamo noi e miglioriamo cose’. In Germania democristiani e socialisti in una fase drammatica si sono messi assieme e hanno governato assieme, in Italia quando si è trattato di combattere il terrorismo la Dc non ha escluso il Pci”.

“Se con il mattarellum – ha concluso Casini – si vuole resuscitare quel tipo di illusione che una parte vince sull’altra, che la sinistra da sola può risolvere i problemi, io non ci credo. Non voglio tornare su quella strada, voglio il proporzionale alla tedesca”.










Lascia un commento