Biotestamento: Binetti, Senato approvi rapidamente ddl

Roma, 11 set. (TMNews) – “Non vorremmo che il rinnovato zelo dei fautori della morte strumentalizzi questa legge per procedere come di fatto sta accadendo in Inghilterra, dove numerosi casi di eutanasia, anche in assenza di legge, sono stati realizzati contando sulla non imputabilità del reato, o almeno sulla sua non condannabilità perché il paziente era esplicitamente consenziente…”. Lo dichiara Paola Binetti (Udc) in merito alla manifestazione promossa domani a Lecco dall`Associazione Luca Coscioni con la presenza di Mina Welby e Beppino Englaro, “due dei testimonial più coinvolti nella difesa del diritto di autodeterminazione: il diritto a morire quando voglio, come voglio e dove voglio”.

“Il Senato – prosegue Binetti in una nota – approvi rapidamente e in via definitiva la legge sul cosiddetto testamento biologico, in modo da evitare nuove iniziative che aggirino il no fermo e deciso all`eutanasia in qualsiasi forma e titolo! Non vorremmo che da Lecco partisse l`ennesima crociata anti-life”. Afferma Binetti: “La Camera ha recentemente confermato l`impianto della legge Calabrò che, mentre riafferma il suo sì alla solidarietà in difesa della vita, dice anche un no secco e deciso all`Eutanasia.

L`iter travagliato di questa legge prevede un ulteriore passaggio di conferma al Senato e le voci dei dissidenti tornano a farsi sentire, anche promuovendo iniziative che cercano vie alternative… Come il ricorso all`amministratore di sostegno, legge già in vigore, di cui si vuole rafforzare l`impianto con la pubblicazione degli amministratori di sostegno”.










Lascia un commento