Governo: Pezzotta, non sono interessato a far vincere centrodestra

Roma, 19 set. (TMNews) – “In questi giorni oltre alle inquietanti pubblicazioni sulle intercettazioni, anche le dichiarazioni di Napoli, Lupi, Frattini e di altri autorevoli esponenti del Pdl, e mi sono soffermato sugli amorosi sensi e le sollecitazioni rivolte a Casini e all’Udc e, non so perché, mi è venuto in mente un vecchio proverbio delle mie parti: ‘quando il mondo non mi vuole più mi rivolgo al buon Gesù’. Sapendo che l’Udc non è il buon Gesù, vorrei dire che non sono interessato a costituenti ad altre iniziative finalizzate a ricostruire il centro destra, soprattutto dopo che Alfano ha rilanciato Berlusconi. Mi sembrano tutte proposte tese solo a far vincere i perdenti”. Lo dichiara in una nota Savino Pezzotta, deputato dell’Udc.

“Sono invece fortemente interessato a sapere – prosegue – quali sono le disponibilità a destra e a sinistra a operare per costruire un governo di unità nazionale in grado di affrontare l’emergenza. Vorrei dire a chi chiede di scegliere che non si costruisce nessuna prospettiva seria con gli insulti e gli ostracismi di Di Pietro, né con la presenza di Berlusconi e della Lega. Quanto hanno detto ieri a Venezia Bossi, Calderoli e Maroni non è accettabile e per molti versi offensivo per ogni italiano.

Il ministro Bossi ripieghi il dito medio che tanto non impaurisce nessuno e se non si sente italiano mi spieghi perché continua a fare il ministro della Repubblica Italiana? Spieghi ai lombardi perché ha avallato una manovra fatta solo di tasse, quando tutti sappiamo che usare solo la leva delle tasse significa farsi del male: si ammazza l’economia, non si riduce il rapporto debito-Pil e si crea lo spazio per far lievitare la spesa pubblica. Ci si dia tutti una calmata e più che pensare a far vincere la propria parte si pensi a far vincere l’Italia e al futuro del Giovani”.










Lascia un commento