Milanese: Mantini, voto di casta, Maroni esce distrutto

(ANSA) – ROMA, 22 SET – ‘L’Udc ha esaminato con molta prudenza le carte del caso Milanese e in tutta coscienza non abbiamo trovato elementi di persecuzione che giustificassero il rigetto della domanda del giudice. Il voto e’ stato l’espressione dell’arroccamento disperato di una maggioranza priva di credibilita’ e impaurita dalle divisioni e dai ricatti interni’. Lo afferma Pierluigi Mantini dell’Udc.

‘E’ stato in sostanza – spiega Mantini – un voto di casta che frena il cambiamento necessario per un governo di responsabilita’ nazionale in grado di far fronte alla crisi e di conciliare il Paese. La credibilita’ di Maroni, come alfiere della legalita’, ne esce distrutta’.(ANSA).










Lascia un commento