Campania, Zinzi: Udc non sara’ vittima di guerra in Pdl

Napoli, 23 SET (il Velino/AGV) – L’alleanza con il Pdl e’ solida, “c’e’ solo una guerra interna”. Il Pd, dopo aver abbracciato definitivamente Vendola e Di Pietro, “e’ sempre piu’ lontano”. L’obiettivo resta “rappresentare i moderati”. Questi in sintesi i concetti espressi da Gianpiero Zinzi, commissario campano dell’Udc, a pochi giorni dai congressi locali.

Congressi Udc alle porte: con quali prospettive?

“L’obiettivo e’ uscire dai congressi con un partito piu’ forte e piu’ unito. L’Udc e’ impegnata nel governo del territorio ed e’ ben consapevole delle responsabilita’ cui ci si trova di fronte in questo momento di grandi difficolta’. I congressi sono anche l’occasione giusta per un confronto serio e pacato, nella migliore tradizione del nostro partito, che rimane aperto ad ogni contributo utile alla crescita e al radicamento sul territorio. Attualmente, siamo una formazione politica che si propone come riferimento principale per tutti i moderati”.

Il Pdl vi ha mandato ultimatum: come rispondete?

“L’Udc e’ sempre stato un alleato leale e continuera’ ad esserlo. E’ normale, pero’, che all’interno di una coalizione ci possano essere momenti anche di vivace dialettica politica. E’ altrettanto evidente, pero’, che nel Pdl campano e non solo, proprio in concomitanza con gli imminenti appuntamenti congressuali, sia in atto uno scontro interno, che finisce per riverberarsi sia sul rapporto con gli alleati sia sull’attivita’ di governo degli enti locali. Sono convinto che in Regione Campania, ma anche negli altri enti in cui c’e’ l’alleanza Pdl-Udc, tale rapporto vada rilanciato e rinsaldato, nell’interesse dei campani che vogliono risposte alle tante emergenze esistenti”.

Se cade Berlusconi, Caldoro deve fare governo di larghe intese?

“Qualora dovesse terminare l’era Berlusconi, cambierebbe completamente lo scenario politico nazionale. Tuttavia, a livello locale, laddove si e’ ben operato, non vedrei immediate necessita’ di cambiamento o, meglio, di stravolgimento delle compagini di governo”.

Pd vi chiede di stringere nuove alleanze: possibile?

“Con la svolta a sinistra del Pd, che nel recente appuntamento della festa dell’Idv di Vasto ha praticamente sancito la nascita di una riedizione dell’Unione, con l’asse di ferro con Vendola, sicuramente non ci sarebbe alcuna possibilita’ di un’alleanza con l’Udc. Siamo il partito dei moderati, che non potra’ mai condividere un progetto di governo con forze politiche ancorate ai valori dell’estrema sinistra”.










Lascia un commento