Sanità: Binetti, demenze in crescita, serve formazione e ricerca

(DIRE) Roma, 28 set. – Le demenze, in particolare l’Alzheimer, sono un fenomeno “in forte crescita” e non ci sono “farmaci efficaci”, tanto che le famiglie costituiscono spesso “l’unico sostegno”. Paola Binetti illustra la sua interrogazione al ministro della Sanita’ Ferruccio Fazio durante il questione time alla Camera. La deputata Udc sollecita il governo a promuovere attivita’ di formazione rivolte ai medici specialistici e agli altri operatori sanitari per l’individuazione dell’Alzheimer e delle altre demenze.

Formazione quindi ma anche ricerca per una malattia per la quale si spendono “600 miliardi dollari l’anno”. La demenze, osserva Binetti, sono realta’ “senza via di ritorno” e chiede appunto cosa il governo intenda “fare per dare formazione adeguata per creare una capacita’ di diagnosi precoce ed interventi adeguati”.

Fazio garantisce che “una serie di attivita’ sono in corso, in particolare l’incremento della formazione a distanza”. Quest’ultima dovrebbe “creare un’uniformita’ sul territorio nazionale delle procedure assistenziali per l’Alzheimer faccia superare le attuali disparita’ di trattamento farmacologico, oltre che aggiornare un numero significativo di professionisti sanitari”. Fazio riferisce anche che e’ stata “recentemente completata la stesura delle ‘Linee di indirizzo per le demenze'” che saranno all’esame della Conferenza Unificata il 18 ottobre. Il documento individua una serie di azioni concrete che, sottolinea Fazio, “devono essere realizzate sia a livello nazionale sia regionale, per dare impulso alle attivita’ di settore”.

Per Binetti la formazione deve comprendere anche “la formazione alla ricerca perche’ sorprende che non ci siano programmi di ricerca adeguati” all’Alzheimer che e’ “modello particolarmente significativo di integrazione di attivita’ sociali, assistenziali e ricerca e puo’ quindi rappresentare “un’opportunita’ straordinaria per gli studenti medicina” che possono apprendere una “visione d’insieme”.

 










Lascia un commento