Rai: Casini, autonomia direttori sacrosanta come diritto critica

Roma, 29 set. (TMNews) – In uno stato liberale l`autonomia dei direttori è sacrosanta almeno quanto il nostro diritto di criticarli poiché la scelta di chi conduce un Tg non può spettare a un giudice. Una democrazia muore anche per le continue invasioni di campo e per la confusione di competenze”. Lo dice il leader Udc, Pier Ferdinando Casini, commentando l’acquisizione di materiale oggi da parte della Guardia di Finanza al Tg1, per l’inchiesta sul caso Ferrario.

“E’ il caso dell`irruzione della Guardia di Finanza nella sede Rai disposta dal magistrato titolare dell’inchiesta, nell`ambito della vertenza di lavoro tra il direttore del Tg1 Minzolini e la giornalista Tiziana Ferrario. Inutile negare la profonda crisi nel rapporto tra politica e giustizia: per noi il garantismo è una vocazione autentica e non può essere confuso con l`impunità o con l`idea di una casta che si autoassolve sempre. Detto questo, c`è da preoccuparsi per la spettacolarizzazione di alcune inchieste giudiziarie e per l`invasione impropria di sfere che appartengono alla discrezionalità e al libero arbitrio professionale”, conclude.










Lascia un commento