Legge elettorale: Buttiglione, Calderoli? Un vecchio filibustiere

Roma, 3 ott. (Adnkronos) – “Un vecchio filibustiere”. Cosi’, in una intervista al Corriere della Sera, Rocco Buttiglione definisce il ministro della Semplificazione normativa Roberto Calderoli, secondo il quale il Porcellum, la legge elettorale in vigore, travolta dal referendum, venne approvato perche’ c’era stato il ‘ricatto’ dell’Udc.

Anche la Lega, spiega il presidente dell’Udc, voleva chiudere con il Mattarellum, ma non voleva le preferenze: “se si vuole portare il proprio asino a passeggio in Transatlantico, e’ bene che l’elettore non sia messo nelle condizioni di scegliere, di valutare, di esprimere la propria volonta’”.

Inoltre, con il Mattarellum “la coalizione presentava nei collegi un solo candidato. Quindi, i candidati non erano eletti dal partito ma dalla coalizione. Il che -conclude Buttiglione- consentiva a chi guidava la coalizione, cioe’ Berlusconi, di avere grande influenza anche nei partiti che non erano di sua competenza”.

 










Lascia un commento