Veneto: Valdegamberi, Agec non rispetta la legge

(AGENPARL) – Roma, 04 ott – “Ho presentato in consiglio regionale del Veneto un’interrogazione in merito al mancato rispetto da parte dell’Agec, azienda partecipata dal comune di Verona per la gestione cimiteriale e delle onoranze funebri, della legge regionale n° 18 del 4/3/2010”.

Lo comunica il consigliere dell’UdC in Consiglio regionale, Stefano Valdegamberi. “Secondo questa legge, infatti, – precisa – non possono coesistere in un unico soggetto le attività di gestione dei cimiteri con quelle di onoranze funebri. In particolare all’art. 54 si evidenzia che “qualora il gestore del cimitero svolga anche attività funebre è d’obbligo la separazione societaria con proprietà diverse, da attuare entro 12 mesi dall’entrata in vigore della presente legge” , mentre all’articolo 53 comma 5, si enuncia che il “Il Comune vigila sulla correttezza dell’esercizio dell’attività funebre”. Il termine ultimo per mettersi in regola – sottolinea Valdegamberi – era il 24 marzo 2011, cosa che Agec, che svolge sia le attività di gestione dei cimiteri, sia di onoranze funebri, non ha fatto, mettendosi palesemente in contrasto con la legge regionale. Mi chiedo – conclude l’esponente dell’UdC – come mai il Comune di Verona, soggetto che per legge deve vigilare, non abbia svolto sino in fondo il proprio dovere ed abbia invece concesso una proroga al 31/12/2011 ad Agec per mettersi in regola e cosa intenda fare la Regione per risolvere la questione. Attendo risposte in Consiglio regionale per rispetto delle tante aziende di onoranze funebri che si sono messe in regola entro i tempi previsti dalla legge regionale”.

 

 

 










Lascia un commento