Puglia: Longo, si lamentano anche istituti sanitari ecclesiastici

(ASCA) – Bari, 12 ott – ‘Non e’ possibile che ogni audizione della commissione sanita’ si concluda con un lungo elenco di lamentele dei direttori generali delle Asl o dei vertici di ospedali ed istituti di ricerca. Adesso c’e’ anche il grido d’allarme degli istituti ecclesiastici: il male oscuro della sanita’ pugliese diventa sempre piu’ grave’. Lo afferma Peppino Longo, consigliere dell’Udc alla Regione Puglia.

‘Anche nell’ultima audizione – prosegue – il quadro che ne e’ venuto fuori e’ di quelli da mettersi le mani tra i capelli da far restare prima basiti e poi carichi di rabbia.

La nostra sanita’ sta andando sempre piu’ a rotoli e nessuno sembra accorgersene. Anche gli inviti dell’assessore Fiore spesso restano nel vuoto, inascoltati dai suoi stessi colleghi di maggioranza. I problemi delle piante organiche, blocco dei turn over, stabilizzazioni bocciate sono ostacoli che sembrano insormontabili ma che bisogna cercare di risolvere con forza’.

‘Fino ad ora – evidenzia l’esponente dell’Udc – da parte della Regione non mi e’ sembrato di aver visto tutta quella determinazione necessaria per dare la svolta giusta a questa situazione, con la conseguenza che le difficolta’ aumentano ed i disagi diventano sistema. Adesso mi auguro che il grido di dolore lanciato dagli istituti ecclesiastici venga recepito: nella nostra Puglia abbiamo realta’ ospedaliere importanti che non possono essere lasciate sole in questa battaglia’.

‘Le colpe del governo centrale – conclude Peppino Longo – sono evidenti, sotto gli occhi di tutti e si riverberano poi sul nostro territorio ma la Giunta regionale deve spingere forte sull’acceleratore: i pugliesi hanno bisogno di risposte certe e di una sanita’ efficiente’.

 










Lascia un commento