Indignati: Mantini, no violenza, ma poi tobin tax

(ANSA) – ROMA, 15 OTT – ‘Le violenze sono da condannare con molta fermezza ma nei cortei dei giovani in tutto il mondo c’e’ una domanda ineludibile di equita’ e di nuovo modello di sviluppo economico’. Lo dichiara Pierluigi Mantini, deputato dell’Udc. ‘L’attenzione di Geithner e di Draghi e’ anche la nostra – prosegue – I tempi sono maturi per inserire la tobin tax nell’agenda del governo italiano. La finanza globale deve contribuire ai problemi del mondo. Ma occorrono anche risposte concrete per i giovani: contratto minimo di accesso al lavoro, sgravi fiscali per la casa e le giovani famiglie. Occorrono risposte politiche agli ‘indignados”.










Lascia un commento