Scontri Roma: Udc, no demagogia, Maroni pensi a tagli sicurezza

Roma, 17 ott. (TMNews) – “Come dice qualche poliziotto `indignato`, la prossima mossa del governo sarà quella di mandarli in piazza senza caschi. Sembra che tutti facciano a gara sui provvedimenti `speciali` per i cortei a rischio come quello di sabato a Roma. Da Zaia al ministro Maroni, passando persino per il leader dell`Idv Di Pietro, tutti invocano sanzioni più dure ma nessuno pensa alle forze dell`ordine e ai tagli della sicurezza. Il ministro si preoccupi dei tagli del governo al comparto della sicurezza”. Lo ha affermato in una nota Antonio De Poli, deputato Udc, commentando le affermazioni del ministro dell`Interno Roberto Maroni e del leader Idv, Antonio Di Pietro, sulla manifestazione di sabato scorso a Roma.

“Fra gli indignati – ha aggiunto – paradossalmente, ci sono anche loro, le forze dell`ordine che sabato erano in piazza per garantire la sicurezza del corteo degli indignati e, domani, scenderanno di nuovo in piazza, a Roma così come a Milano, per protestare contro i tagli. La Lega è stata brava a fare una campagna elettorale sulla sicurezza cavalcando l`onda della paura della gente. Solo parole: Zaia auspica il pugno di ferro contro i violenti e noi siamo d`accordo. Chi, come Zaia, propone provvedimenti speciali compie un`operazione di facile demagogia: servono soldi e se non arriveranno – ha concluso De Poli – il nostro Paese sarà meno sicuro e pronto a gestire le emergenze di ordine pubblico”.

 

 

 










Lascia un commento