Puglia: Negro, lavoratori non devono pagare errori della politica

(AGENPARL) – Roma, 17 ott – “Non si possono fare pagare ai lavoratori gli errori della politica. Gli indignati di Roma, quelli che hanno manifestato civilmente e pacificame nte, ci dicono che c’è una sfiducia generale nei confronti della politica, la quale deve recuperare il terreno perso e rimboccarsi le maniche per fornire risposte concrete alla gente”. Lo ha detto il presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, nell’interve nto odierno in II Commissione, che ha discusso ed approvato la norma che tenta di salvare i 620 dipendenti della Regione da retrocessioni e decurtazioni di stipendi dopo l’annullamento da parte della Corte Costituzionale del concorso del 1999. Il presidente Negro ha ribadito la disponibilità del Gruppo Udc ad interessare della vicenda i parlamentari del partito e a mettere in atto tutto quanto è nella propria competenza per tutelare i diritti acquisiti dai 620 dipendenti regionali. “Restiamo favorevoli alla strada di una legge sanatoria – ha sottolinea to il capogruppo Udc – e vanno tutelati i diritti acquisiti dei lavoratori ma soprattutto va evitata la paralisi della macchina amministrativa che comporterebbe danni assai più gravi per i cittadini della Puglia. Vogliamo ricordare ai consiglieri e assessori regionali, così come ai parlamentari, che la gente che ha problemi di disoccupazione e le famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese non comprendono i limiti imposti dal patto di stabilità né che la Regione non paghi quanto dovuto alle imprese che hanno eseguito dei lavori o che si accumulino ritardi nei pagamenti dei lavoratori della formazione professionale. La politica deve prendere atto di questo e prendere a cuore la sorte di questi lavoratori”, ha sottolineato Salvatore Negro che ha concluso: ” Deve essere al più presto archiviata l’esperienza di 17 anni di bipolarismo all’italiana che non ha risolto alcun problema ma ha creato solo una crescente delegittimazione della classe politica”.










Lascia un commento