Lavoro: Pezzotta, norme su licenziamenti ci sono già e funzionano

Roma, 28 ott. (Adnkronos) – “Si discute di occupazione giovanile, di come contrastare la disoccupazione, di quale futuro per i cassintegrati in deroga e si lasci da parte il termine licenziamento. L’abilita’ di Berlusconi di spostare il dibattito politico dalle questioni urgenti a quelle secondarie e insignificanti e’ notoria e pertanto occorrerebbe non cadere nella trappola. Ci sta obbligando a discutere di licenziamenti quando bisognerebbe ragionare su quali misure mettere in campo per far ripartire la crescita e conseguentemente far aumentare l’occupazione”. Lo sottolinea Savino Pezzotta, deputato dell’Udc ed ex segretario della Cisl.

 

“Le regole sui licenziamenti collettivi in Italia -avverte- ci sono gia’ e funzionano bene da anni nessuno fino ad ora ha sentito l’esigenza di modificarle, e’ chiaro che si e’ di fronte al tentativo di fare altro e di incidere su quelli individuali. Per quanto mi riguarda ritengo tutto questo alquanto surreale e non degno di essere discusso. Invece di parlare di licenziamenti Berlusconi ci dica quante risorse mette a disposizione per il lavoro giovanile, per la formazione e il reimpiego dei cassintegrati, soprattutto i piu’ anziani. In un paese che ha un tasso di attivita’ del 57%. usare la parola licenziamento -conclude Pezzotta- e’ una bestemmia”.










Lascia un commento