Crisi: Casini, Terzo Polo per governo risanamento con Pd e Pdl

(AGI) – Roma, 6 nov. – “Non chiediamo posti o ministeri ma chiediamo e offriamo la nostra disponibilita’ al sacrificio nazionale per riscattare l’onore dell’Italia e degli italiani”. E’ la proposta del Terzo Polo che Pier Ferdinando Casini chiarisce dalla convention del Terzo Polo, conclusa proprio dal leader Udc. “Noi – spiega – siamo nel Ppe, da sempre antagonisti della sinistra ma dobbiamo essere onesti, ragazzi: la sinistra ieri ha detto, quando potrebbe avere un interesse elettorale a chiedere solamente le elezioni, che sono disponibili. E allora pensare a un governo che emargini una parte del mondo politico piu’ direttamente rappresentativo del mondo operaio e sindacale significherebbe essere irresponsabili”. “Non si fanno sacrifici – avverte ancora – agitando la contrapposizione sociale o dividendo i lavoratori, perche’ quelle forze vanno coinvolte. Sarebbe autolesionista cercare divisioni”. “Ne’ – avverte – si puo’ fare un governo di risanamento nazionale senza la destra che ha vinto le elezioni”. “Non posso credere che Berlusconi preferisca una rovinosa sconfitta elettorale per poi essere additato come responsabile del disastro, ben oltre – rileva – le reali responsabilita’. Perche’ poi tutto sara’ fatto ricadere su chi oggi e’ a Palazzo Chigi”. “Abbiamo – scandisce – la guida del Capo dello Stato, la consapevolezza, la forze sociali che tutte ci chiedono uno sforzo di coesione nazionale, e ce lo chiede anche l’Europa che – ribadisce – non complotta contro di noi. Casomai sghignazza. Ma noi vogliamo ridare l’onore all’Italia”.










Lascia un commento