Governo: Mantini, ha ragione Casini, non Prodi

(9Colonne) Roma, 11 nov – “Sono stato uno stretto collaboratore di Romano Prodi per il quale conservo ovviamente stima e affetto. Ma nella garbata polemica di queste ore ha ragione Casini, non Prodi. Il bipolarismo non è un fine ma un mezzo per il governo del Paese e nel principio di alternanza è incluso il “terzo tipo” ossia l’unità delle principali forze nazionali nelle fasi di emergenza. La sofferenza durante il governo Prodi, al di là di alcuni importanti risultati e del valore delle persone, non fu solo mia ma oggettiva, legata ad una formula politica troppo condizionata dalla sinistra massimalista. Occorre ora una vasta alleanza tra moderati e riformisti per salvare l’Italia e il governo Monti non è solo figlio della drammatica emergenza ma di un cambiamento storico di cultura politica. Nel rispetto delle difficoltà politiche esistenti devo riconoscere a Bersani e a Berlusconi, ai rispettivi partiti, di essere interpreti di una scelta che restituisce onore e forza all’Italia”. Così in una nota Pierluigi Mantini, Responsabile Riforme Istituzionali dell’Udc.










Lascia un commento