Legge stabilità: D’Alia: promesse che non serviranno a Italia

(DIRE) Roma, 11 nov. – L’Udc non partecipa al voto sulla legge di Stabilita’ “perche’ questo testo e’ un insieme di enunciazioni e auspici che non servono a portare l’Italia fuori dalla crisi”.

Lo ha detto il presidente dei senatori dell’Udc, Gianpiero D’Alia, nel corso delle dichiarazioni di voto al Senato.

“Se si e’ arrivati a questo punto- ha spiegato D’Alia- non e’ certo perche’ l’Europa e’ cattiva e ci impone scelte drastiche ma perche’ queste scelte sono il frutto di una mancanza politica di un Governo a cui, diciamocelo francamente, dell’Europa non e’ mai fregato nulla”.

“Noi, come in altri momenti- ha proseguito-, abbiamo deciso di mantenere un atteggiamento responsabile sin dai lavori della Commissione e anche con qualche forzatura procedurale. Ma il risultato che e’ sotto i nostri occhi e’ un insieme di promesse che possono esser al massimo un viatico per chi, speriamo gia’ da lunedi’, dovra’ cimentarsi nel governo del Paese. Certamente questo ddl non scioglie quei nodi che voi non avete avuto ne’ la forza ne’ la volonta’ politica di affrontare”.










Lascia un commento