Fs: Ranucci-D’Alia, Governo intervenga per lavoratori treni notte

Roma, 1 dic. (TMNews) – “Cosa intende fare il governo per garantire il mantenimento e la salvaguardia dei lavoratori nella prossima gara indetta da Trenitalia?”. Lo chiedono – in un’interrogazione rivolta al ministro dello Sviluppo economico, delle infrastrutture e trasporti Corrado Passera e al ministro del Lavoro Elsa Fornero – il senatore del Pd Raffaele Ranucci, vicepresidente della commissione Lavori pubblici e trasporti e il presidente dell’Udc a Palazzo Madama, Gianpiero D’Alia.

Ranucci e D’Alia ricordano che “la Società Servirail Italia Srl gestisce, in appalto da Trenitalia, il servizio alla clientela sulle vetture dei treni notturni” e che è in corso una “drastica diminuzione sul territorio nazionale del servizio di assistenza notturno, e quindi anche in Sicilia” dove, “fino al 4 ottobre scorso i treni a lunga percorrenza, erano strutturati in otto vetture. A partire dal 5 ottobre, c’è stata una decurtazione di sei vetture letto. L’unico impianto scorta letto e cuccette presente in Sicilia è, ad oggi, a Messina e occupa circa 80 addetti e utilizza gli ammortizzatori sociali per garantire l’occupazione. I lavoratori Servirail dell’impianto di Messina hanno ricevuto preavviso di licenziamento perchè l’Azienda ha deciso di non partecipare alla nuova gara indetta da Trenitalia a causa dell’eccessiva diminuzione dell’importo a base d’asta”.

Ranucci e D’Alia osservano che “il personale della ‘Servirail Italia’ è in stato di agitazione perché, a breve, saranno sottoposti alla procedura di mobilità. Trenitalia, inoltre, continua nella sua inaccettabile politica di dismissioni delle attività, in particolare in Sicilia, riducendo i servizi all’utenza e creando ulteriore disoccupazione. Nel nuovo bando di gara – sottolineano i due senatori – non è infine compreso nessun riferimento certo alla clausola sociale di salvaguardia dell’occupazione esistente, eppure è necessario trovare soluzioni alla grave crisi che scuote il nostro Paese senza sacrificare le attività produttive e le risorse umane e professionali”. Pertanto i due senatori chiedono al governo cosa intende fare perché “nel bando della prossima gara indetta da Trenitalia, venga inserita la clausola sociale per il mantenimento e la salvaguardia dell’occupazione esistente e anche di convocare con urgenza un tavolo fra le parti coinvolte nella vicenda al fine di arrivare al più presto ad una soluzione condivisa a tutela della stabilità occupazionale dei lavoratori della ‘Servirail Italia’ della sede di Messina”.

 

 










Lascia un commento