Spettacolo dal vivo: Lusetti,una legge per disciplinare figura di agente

(AGENPARL) -Roma, 14 dic – Potrebbe arrivare una discilipna più chiara per gli agenti dello spettacolo. A presentare una proposta di legge per colmare il vuoto legislativo è l’on. Renzo Lusetti dell’Udc.

Nel testo della relazione introduttiva si legge che: “La presente proposta di legge è ispirata dalla diffusa necessità di regolamentare la figura di agente per lo spettacolo dal vivo e colmare al tempo stesso un vuoto legislativo – poiché come prosegue il testo – I numerosi tentativi compiuti nelle passate legislature non hanno portato ad alcun esito e il settore dello spettacolo dal vivo, sia esso teatro, musica, danza, circo e spettacolo viaggiante, attende ancora una legge che ne disciplini e ne tuteli l’attività”.

“A differenza di altri Paesi europei – si legge ancora – dove negli ultimi anni i Governi e gli enti locali hanno intrapreso iniziative per incentivare lo spettacolo dal vivo, in Italia l’esercizio di tale attività è subordinat o alla scelta di alcuni comuni di emanare specifici regolamenti, spesso differenti e in contrasto tra loro, che hanno contribuito a creare un panorama normativo frastagliato e disomogeneo”.

Pertanto si spiega che: “In attesa di una legge quadro che regoli l’intero settore, la presente proposta di legge è volta a disciplinare la figura dell’agente per lo spettacolo, al fine di tutelarne la professione sotto il profilo legale, fiscale e previdenziale. Una figura che fin’ora – prosegue- ha operato in condizioni non inquadrate dalla legge e che pertanto con il presente provvedimento troverebbe una definizione chiara e precisa. In particolare sono istituiti l’ordine professionale e l’albo degli agenti per lo spettacolo dal vivo, sono stabiliti i termini e i limiti del contratto di procura, sono fissati la retribuzione, i contributi previdenziali, i tariffario e gli obblighi fiscali degli stessi”.

Riguardo il testo di legge presentato, nella relazione si precisa che” Il testo consta di 9 articoli. L’articolo 1 definisce e disciplina la figura dell’agente per lo spettacolo dal vivo quale soggetto che in forza di un contratto di procura rappresenta gli artisti, gli esecutori e gli interpreti nei confronti di terzi. L’articolo 2 istituisce l’ordine professionale e l’albo degli agenti per lo spettacolo dal vivo tenuto, in via provvisoria dall’Associazione dei rappresentanti italiani di artisti di concerti e spettacoli (ARIACS) e definisce i requisiti per l’iscrizione allo stesso. L’articolo 3 stabilisce gli organi direttivi dell’ordine nonché le modalità di elezione, le funzioni, i poteri e gli obblighi degli stessi. L’articolo 4 reca norme relative alla retribuzione degli agenti. L’articolo 5 equipara ai fini fiscali gli agenti per lo spettacolo dal vivo agli agenti e ai rappresentanti di commercio. L’articolo 6 reca norme sulla stipula dei contratti relativi a spettacoli dal vivo. L’articolo 7 prevede le ipotesi di cancellazione dall’albo. L’articolo 8 disciplina i casi di esercizio abusivo della professione. L’articolo 9 stabilisce le incompatibilità”.










Lascia un commento