Ambiente: Galletti, in ddl suolo soluzioni a errori passato

‘Obiettivo consumo zero al 2050 è coerente con Cop21’ (ANSA) – ROMA, 4 MAG – La legge per il consumo del suolo “sta entrando in una fase parlamentare decisiva: mi auguro si possa tagliare – al più presto alla Camera e poi rapidamente nella lettura al Senato – un traguardo straordinariamente importante per il nostro Paese, di enorme portata ambientale ma innanzitutto culturale”. Lo afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, commentando i lavori in corso alla Camera sul disegno di legge contro il consumo del suolo. “Questo provvedimento, a lungo atteso – aggiunge il ministro – individua le soluzioni migliori per lasciarci alle spalle gli errori del passato e andare verso la rigenerazione delle aree degradate, le ristrutturazioni edilizie sostenibili, l’innalzamento della qualità ambientale degli spazi urbani, con una forte responsabilizzazione degli enti locali”. “L’Italia ha una profonda e storica urgenza – spiega Galletti – di dotarsi di misure che contengano questo fenomeno dai numeri molto allarmanti: oggi vengono consumati sette metri quadrati al secondo per un totale che ha raggiunto il 7% del nostro suolo nazionale, con il 20% della costa italiana interessata dal cemento e alcune città in cui lo spazio comunale eroso supera anche il 50% della superficie amministrata”. “L’obiettivo ‘consumo netto zero’ di suolo al 2050 individuato dalla legge – conclude Galletti – è allora coerente con gli impegni presi alla Cop21 di Parigi e con tutta la strategia ambientale del nostro Paese: dalla lotta al dissesto idrogeologico alla riduzione dello spreco di risorse naturali, dall’efficienza energetica fino agli obiettivi di riduzione delle emissioni”. (ANSA