Ap: Binetti, ora rilanciare Centro, Paese chiede risposte

(ANSA) – ROMA, 13 MAR – “Appare sempre più chiaramente come ci sia un’area nel Paese che stenta a sentirsi rappresentata da questo o quel partito, di cui registra l’intrinseca debolezza. Ma è proprio questa la sfida positiva che domani dovrà emergere dalla riunione targata Udc, ma tesa a mantenere un filo conduttore forte non solo con Ncd, ma anche con tutte le altre forze che vogliono rappresentare un’alternativa credibile al Pd. I nostri elettori ci chiedono chiarezza nelle posizioni politiche: dove e con chi vogliamo andare, precisione nelle indicazioni anche sul piano strettamente elettorale: chi sono gli attuali leader di riferimento almeno nelle grandi città in cui si va al voto; quali sono le alleanze forti da stringere sul campo”. Lo afferma Paola Binetti, deputata di Ap. “Il patto tra Cesa e Alfano, tra Lupi e Buttiglione quanto è destinato a tenere non solo nelle prossime settimane, ma anche nei prossimi anni? Area popolare è solo l’inizio di un grande progetto oppure è una realtà residuale, quel che resta di un grande sogno? Non si potrà andare molto oltre i prossimi giorni per dare un segnale chiaro al Paese. Dieci settimane ci separano dalle elezioni amministrative, vera anticamera di un potente cambio di passo nel Paese e occorre ripartire dal Centro per dare speranza agli italiani”, osserva Binetti che sottolinea: “Domani ci sarà una nuova occasione di incontro e di confronto nell’Udc, o meglio in quel che resta dell’Udc. C’è voglia di rilanciare un progetto politico forte, con volti nuovi, idee chiare, energie decisamente ritemprate dopo questa fase di collaborazione con Ncd, da cui pure sono scaturite molte buone iniziative sul piano parlamentare. Ma il progetto iniziale, quello di dare vita a un nuovo soggetto politico, capace di parlare al Paese in modo convincente, è ancora latente”. (ANSA).