BRUXELLES. BINETTI : SICUREZZA ROMA SIA PRIORITÀ PER CANDIDATI SINDACO

(DIRE) Roma, 22 mar. – “Dopo i drammatici fatti di Parigi, che sembravano ormai appartenere ad un passato, sia pure recente ma concluso con l’ultimo arresto eccellente, oggi i fatti ancor piu’ devastanti di Bruxelles ponevano un interrogativo che si e’ diffuso in modo del tutto traversale tra tantissimi cittadini romani. Ma quanto e’ sicura Roma? Cosa e’ stato fatto per la sicurezza della citta’ in questo tempo di confusione politica, di accuse intrecciate e rimbalzate dall’uno all’altro degli schieramenti; in un tempo di sovraffollamento di aspiranti sindaci? Le nostre metropolitane spesso ferme per una mancata manutenzione che dura da anni; il nostro traffico convulso che di certo non faciliterebbe il passaggio dei mezzi di soccorso, un sistema di controllo in sciopero ormai previsto e prevedibile tutti i venerdi’, per rendere ancora meno gestibili spazi e tempi dei cittadini. Cosa si e’ fatto in questi mesi in cui si sono intrecciati due diverse linee di tendenza, da un lato il giubileo con i flussi di pellegrini in crescita continua soprattutto ora che andiamo verso la bella stagione, e dall’altro il legittimo di timore di possibili attentati. Alfano ha ripetutamente confermato di avere sotto controlli tutti gli obiettivi strategici del Paese, ma Roma richiede da chi governa la citta’ una attenzione del tutto particolare, capillare, estesa agli obiettivi sensibili, che forse non sono strategici, ma che sul piano simbolico rappresentano l’anima della citta’ e il senso profondo della sua complessita’”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare (Ncd-UdC), romana a tutti gli effetti, che continua: “Con Roma non si puo’ scherzare, la furia omicida di questi killer non conosce limiti: aeroporti, metropolitane, stadi, luoghi d’incontro della gioventu’, tutto appare nella loro lista nera come il possibile punto di innesco di una violenza, che dice quanto sia incommensurabile la distanza tra il loro concetto di civilta’ e il nostro; tra il valore che loro attribuiscono alla vita e quello che ha per noi. Vorremmo sentire i futuri sindaci confrontarsi sul concetto di sicurezza, ma anche sulle strategie concrete per garantire sicurezza ai romani ed ai suoi numerosissimi visitatori, che paradossalmente vengono a Roma in cerca di un messaggio di Pace e di una testimonianza forte delle tradizioni che durano da secoli. Non e’ il momento di ideologie prive di contenuto, di populismi facili in un senso o in un altro, e’ tempo di dire ai romani: faremo questo per voi e contiamo su di voi per avere antenne tese in tutta la citta’, perche’ qualunque cosa faremo vogliamo farla insieme”, conclude la Binetti.