Umbria: Cesa, l’Udc pronto a rimarciare anche in regione, nella politica c’è bisogno di moderazione e di responsabilità

“Rimettere in piedi un partito che faccia riferimento allo scudo crociato e quindi ai valori che sono dietro a quel simbolo penso che sia importante, per farlo rimarciare anche in questa regione”: lo ha affermato il segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa intervenuto stamani a Perugia per presenziare la rinascita anche in Umbria dell’Unione di Centro, un partito che quindi si rimette in moto soprattutto in vista dei prossimi impegni elettorali.
    Insieme a Cesa erano presenti il nuovo segretario regionale del partito in Umbria, Ermanno Ventura, e il segretario amministrativo Regino Brachetti.
    “Un gap che è stato colmato”, come ha ricordato Ventura, visto che l’Umbria era una delle due regioni in cui l’Udc non era più presente da alcuni anni: “Mancava l’Udc, mancava come partito e come simbolo da troppo tempo, mancavano i suoi valori legati alla dottrina sociale della Chiesa, mancava il suo spirito critico e mancava la prospettiva dell’orizzonte.

Noi siamo in grado con grande entusiasmo, proprio per i valori che abbiamo, la tradizione e lo sguardo che diamo verso il futuro, di mettere a disposizione le nostre energie in un partito che verrà completamente ricostruito, sostanzialmente da zero, e che vedrà la partecipazione di chiunque voglia essere volontario di questo progetto”.
    Un cammino di ricostruzione che anche in Umbria, per Cesa, “trova un humus molto favorevole perché pure qui noi abbiamo avuto anche un passato di personalità politiche che hanno fatto grandi cose”

“Vorremmo tornare a fare questo lavoro – ha proseguito – riaffermando che nella politica c’è bisogno di moderazione, di buon senso e di responsabilità e soprattutto di difesa dei valori in cui noi crediamo fortemente essendo democratici cristiani. Il nostro simbolo significa quindi difesa dell’identità cristiana del paese, difesa della famiglia e vuol dire rimettere al centro della politica la persona”.
    Un percorso che, ha ricordato ancora Cesa, l’Udc sta facendo in tutta Italia anche perché, ha sottolineato, “anche dentro questa maggioranza c’è bisogno di un partito di centro con valori democratici cristiani”.