Covid: Binetti (Udc), regole nuovo decreto siano più chiare

“Non si capisce perché siano esclusi da Green Pass supermercati, farmacie ed edicole, è una doppia penalizzazione per i negozi di quartiere”
Roma, 18 gen. (Adnkronos/Labitalia) – ”Alla velocità con cui si sovrappongono i diversi decreti corrisponde nel Paese un livello di insofferenza verso regole difficili da comprendere e quindi difficili da applicare. Le regole del nuovo decreto anti-Covid sono a tratti incomprensibili. È necessario semplificare rendendone più fluida l’applicazione”. Lo scrive in una nota Paola BINETTI, senatrice dell’Udc. “Per esempio -spiega BINETTI- non si capisce perché il Green Pass sia obbligatorio per entrare nella stragrande maggioranza dei negozi, ma siano esclusi supermercati, farmacie ed edicole. Sembra una doppia penalizzazione per i negozi di quartiere, già schiacciati da logiche di mercato che li rendono non di rado più cari e ora meno accessibili. Anche per le farmacie appare paradossale che possano fare tamponi e somministrare vaccini, ma al tempo stesso non offrano nessuna garanzia a chi entra per acquistare un medicinale”. “La controversia sulle tabaccherie appare stucchevole: evidentemente fumare non rientra tra le attività necessariamente collegate a bisogni primari. Decidere dove si possa entrare con o senza green pass da vaccinazione rappresenta una scelta meno banale di quanto possa apparire. Chiama in gioco criteri di tutela della salute individuale e pubblica ma richiede anche una razionalità senza lasciar emergere una cultura del sospetto, per cui alcune categorie sono trattate più duramente di altre”, conclude BINETTI.
(Map/Adnkronos)