UNIONI CIVILI: BINETTI, DDL METTE IN DISCUSSIONE IMPIANTO FAMIGLIA

Roma, 5 gen. (AdnKronos) – “Si accelera e si intensifica il dibattito sulle unioni civili che al Senato arriverà in aula ormai tra tre settimane. Il ddl Cirinnà sembra chiuso, congelato, in una struttura paradossale. Sorto per garantire diritti civili alle coppie omosessuali, nei fatti si è concentrato su di un unico punto, che è diventato lo spartiacque dell’intero ddl. Il figlio ad ogni costo come diritto alla genitorialità, spingendosi oltre quel senso del limite che la natura da secoli ha fissato: per fare un figlio ci vuole una mamma ed un papà e per educarlo, anche”. Lo afferma Paola Binetti, deputato del Gruppo Area popolare (Ncd-Udc). Per Binetti “il dibattito sulle unioni civili ha innescato uno stravolgimento progressivo fino a diventare una sottile linea di netta separazione all’interno della stessa maggioranza. Una linea che di giorno in giorno si sta dilatando fino a suscitare il sospetto che possa trattarsi davvero di un punto di non ritorno”. “All’interno del Pd -aggiunge- si moltiplicano gli sforzi dei colleghi di area cattolica che cercano in tutti i modi di delegittimare un ddl che così com’è nei fatti non può essere né accettato né tanto meno votato. Non basta affermare in teoria che le unioni civile previste dalla Cirinnà sono altro dal matrimonio gay, quando tutti i passaggi del ddl sono una ripetizione scontata e monotona del codice civile, senza alcun tipo di distinguo”. (segue) (Red/AdnKronos)