UNIONI CIVILI. BUTTIGLIONE: DAL CENTRO GIUSTA MEDIAZIONE POLITICA

(DIRE) Roma, 24 feb. – “Gli italiani vogliono le unioni civili, non vogliono il matrimonio e le adozioni gay. Questa e’ anche la posizione di Area Popolare (Ncd-Udc) che pare essere vincente alla fine di una lunga e difficile battaglia politica. Ci siamo assunti la responsabilita’ di rappresentare la grande forza culturale e morale del popolo del family day incanalandola e disciplinandola attraverso una giusta mediazione politica”. Lo afferma in una nota Rocco Buttiglione, vicepresidente vicario dei deputati di Area popolare (Ncd- Udc). “Dire no alle unioni civili sarebbe stato politicamente sbagliato, ci avrebbe condotti alla sconfitta ed avrebbe dato via libera ad una rivoluzione antropologica profondamente distorsiva dei valori di fondo della nostra convivenza civile. Dire no alle unioni civili, sarebbe stato sbagliato anche dal punto di vista morale: la legge morale naturale va affermata sempre, insieme al rispetto della persona e dei suoi diritti. Questo rispetto fa parte esso stesso della legge morale naturale. É importante non dimenticarlo mai, soprattutto nell’anno della misericordia. È fallito il tentativo di spostare a sinistra l’asse del governo del Paese inaugurando una alleanza PD- M5S, fondata sulla ideologia della secolarizzazione del costume e si e’ rafforzato l’asse fra il PD ed il centro politico cui si aggiunge adesso Ala. È fallito anche il tentativo di strumentalizzare politicamente a destra il popolo del family day usandolo per tentare di dare una spallata al governo. Questa vicenda- conclude Buttiglione- mostra l’esistenza di una vasta area di centro, laicamente ispirata a valori cristiani, che costituisce una grande risorsa per il Paese. Speriamo che essa riesca ad organizzarsi politicamente, a superare le sue divisioni, a portare nella politica un di piu’ di valori e di convincimenti ideali di cui l’Italia ha disperatamente bisogno”.