Unioni civili: Buttiglione, unica strada accordo maggioranza

(ANSA) – ROMA, 18 FEB – “Sulla vicenda delle unioni civili la sinistra Pd ha cercato di sperimentare una maggioranza alternativa a quella che sostiene il governo. Ha cercato cioè di rilanciare l’ipotesi (sulla quale aveva scommesso Bersani) di una maggioranza Pd/M5s/Sel. L’esperimento è stato condotto, è vero, su di una questione non compresa nel programma di governo, di esclusiva competenza parlamentare. Non è difficile immaginare, però, che se esso avesse avuto successo sarebbe stato ripetuto per sfociare infine in una nuova maggioranza di governo. Difficile che questa nuova maggioranza potesse essere guidata ancora da Matteo Renzi”. A dirlo è Rocco Buttiglione, Vice Presidente Vicario del Gruppo Area Popolare (Ncd-Udc), che aggiunge: “L’esperimento, però, è fallito. Ã interesse di tutti chiuderlo prima che indebolisca la maggioranza di Governo esponendo il paese a pericolose avventure. Renzi ha dato alla sua minoranza interna tutto lo spazio possibile ed immaginabile per sperimentare la loro ipotesi alternativa. Adesso riprenda in mano la situazione e trovi una soluzione nel perimetro della maggioranza di governo. La soluzione è a portata di mano perché Area Poplare (Ncd-Udc) ha tenuto con grande senso di responsabilità una posizione di ragionevole mediazione, che corrisponde anche alla sensibilità della grande maggioranza del popolo italiano: unioni civili si, adozioni gay no. Su questa posizione si può trovare il consenso della grande maggioranza del Parlamento e del paese”. (ANSA).