Viterbo: Udc, Comune intervenga su foce fiume Fiora, dare risposte a pescatori e famiglie

“Chiediamo all’Amministrazione comunale di Montalto di Castro risposte certe sulla questione della foce del fiume Fiora e di stabilire una volta per tutte se stia o meno collaborando con la Regione Lazio (titolare del demanio marittimo) e di indicare quali siano i tempi necessari per vedere la foce aperta affinché i pescatori possano tornare a fruire del mare”. A chiederlo è Daniela Scatolini, componente della Segreteria UDC di Montalto di Castro (Viterbo). “Sono trascorsi ormai tre mesi da quando la foce del fiume Fiora è ostruita. Una situazione grave che ha provocato e continua a provare il blocco lavorativo per i pescatori di Montalto di Castro dove l’unica fonte di guadagno è proprio la pesca. Non è mai accaduto, almeno per quanto mi ricordi, – continua Scattolini – che il fiume fosse chiuso per tutto questo tempo creando disagi, soprattutto economici, a pescatori. I lavoratori, con grande dignità, chiedono solo di riprendere il proprio lavoro. Il loro dolore, la loro rabbia, meritano una risposta da parte delle istituzioni. In questo silenzio tombale, i pescatori hanno bisogno di azioni concrete perché di tempo né passato anche troppo e chi sopravvive con la pesca non può più attendere oltre. Amministrare vuol dire assumersi la responsabilità delle scelte per salvaguardare il bene dei cittadini. Le azioni, gli interventi a tutela del territorio e di chi ci vive a volte, come in questo caso, sono improrogabili. Permettere a breve la riapertura della foce insabbiata è di vitale importanza. L’inerzia, l’indifferenza o il perdere tempo non è più accettabile per chi ha bisogno di lavorare. E ogni giorno perso è un ulteriore dramma per i pescatori e le loro famiglie”, conclude Scattolini.